Benvenuti tutti i lettori di  Româneştiri, il nuovo giornale dedicato alla diaspora romena e moldava.

Qualche parola su questa novità giornalistica.

Partiamo dal nome. “Româneştiri” non significa nulla in lingua romena, ma non dovrebbero passare inosservati i giochi di parole che la parola contiene:

  1. il vocativo “Române” (contenuto anche all’inizio dell’inno nazionale romeno);
  2. “româneşti” che suona molto similmente a “româneşte”;
  3. la fusione rovesciata dell’espressione “ştiri româneşti”.

Chi siamo? Direzione, redazione e collaboratori di Româneştiri costituiscono un collettivo di professionisti e persone motivate che credono in questo progetto e mettono a disposizione un po’ delle proprie energie e competenze.

Quanto all’origine ed agli scopi di Româneştiri, l’idea è nata tra alcuni conoscenti con competenze giornalistiche che ritenevano che ci fosse lo spazio editoriale  – ovvero i potenziali lettori – per un giornale della diaspora obiettivo, moderno, utile, ottimista, indipendente da politica ed economia ed attento ad ogni ingiustizia, pregiudizio e sopruso (magari sul lavoro) verso romeni e moldavi all’estero. Rispettoso delle istituzioni politiche e diplomatiche romene e moldave, come di qualsiasi altro stato, ma pronto a denunciarne ogni errore o abuso.  Quando sarà il caso indagheremo e faremo inchieste specifiche senza timori reverenziali verso chiunque. Ci ispireremo al data journalism e combatteremo contro le fake news. Certamente ci saranno anche opinioni, ma saranno basate sui fatti, non saranno soltanto chiacchiere. Grazie, ma non ci interessano le critiche a tutto e quindi a niente, il qualunquismo e il vittimismo, la sfiducia generalizzata o i rancori specifici. Vogliamo anche restare allergici ad ogni tipo di sudditanza verso i poteri forti ed avremo casomai riguardo per le persone a cui non viene mai data voce ed in particolare – come dire – per gli ultimi della fila.

Româneştiri sarà tendenzialmente in lingua romena, ma potrà avere articoli anche in italiano, russo ed in altre lingue. Vorremmo anche far conoscere le realtà romene e moldave a chi non le conosce, obiettivamente e contribuendo a eliminare alcuni stereotipi che purtroppo sopravvivono ancora.

Centrale sarà il rapporto con i lettori.

Qualsiasi segnalazione di notizie o di ingiustizie riguardanti romeni e moldavi e qualsiasi indicazione, proposta, suggerimento o critica che ci invierete sarà considerata attentamente: in ogni caso tutte le volte che ci farete conoscere fatti, belli o brutti ma interessanti giornalisticamente per la comunità romena e moldava, dopo averli verificati ne parleremo su Româneştiri. Le vostre mail più interessanti potranno essere pubblicate sul giornale, con il vostro specifico permesso.

Inoltre, chi tra i lettori condivide il progetto, ha studi, esperienze, talento o interessi giornalistici e vorrebbe scrivere con noi, sarà seriamente preso in considerazione per collaborare.

Vorremmo catturare anche l’attenzione delle nuove generazioni romene e moldave all’estero, che spesso si lamentano di una scarsa considerazione verso di loro, quando invece comprendono tante giovani eccellenze in tutti i settori di studio e professionali.

Come accennato Româneştiri è destinato prevalentemente alla diaspora dei due (due?) popoli romeno e moldavo, soprattutto in Italia ma non soltanto. Avrà però anche un occhio puntato alle rispettive madrepatrie ed anche a ciò che succede fuori dai loro confini. Cercheremo di avere particolare attenzione per le notizie della diaspora moldava, di cui i media all’estero si occupano normalmente di meno.

Il giornale avrà due anime: cronaca e rubriche. Pubblicheremo articoli nuovi ogni giorno e cercheremo di darvi le notizie dell’ultim’ora sulla diaspora prima di chiunque altro. Avremo poi rubriche su varie materie scritte da esperti di alto profilo. Alcune di queste rubriche, che faremo partire un po’ alla volta, crediamo che siano davvero originali. Aspettate e vedrete.

Non sappiamo se saremo più bravi di altri giornali ma vorremmo fare qualcosa di un po’ diverso: avremo sicuramente una nostra personalità che speriamo inizierete a riconoscere ed apprezzare fin da subito.

Sicuramente la nostra è una sfida. Se riusciremo a vincerla sarà anche merito vostro.

Grazie dell’attenzione e buona lettura.

Gabriele Dallara
director@romanestiri.com
Share This